Pag capoluogo

Dove si trova

Zona della Croazia: centro
Regione: Dalmazia
da Trieste (km) : 227 CAP: 23250 - Prefisso telefonico: 023

Com'è Pag capoluogo
2849 abitanti
classe turistica A
8 hotel - nessun campeggio
isola - 20 min di traghetto/ponte

Pag la città del pizzo e delle saline

La città di Pag capoluogo dell'isola Pag, nasce nel 1443 e si sviluppa attorno alla piazza principale dove sorge la basilica gotica di s.Marija il cui rosone centrale ispira i famosi merletti - uno dei prodotti caratteristici dell'isola. La baia sulla quale si affaccia il piccolo porto ospita una delle spiagge più grandi (ghiaia), mentre altre spiagge più piccole si affacciano lungo la costa (ghiaia e roccia) e sono raggiungibili grazie a sentieri o scalinate cementate. Sul lungomare si incontrano bar e ristoranti; altri ristoranti piccoli bar e negozi di alimentari si trovano nella parte interna, percorrendo i suggestivi vicoli lastricati.
Nel X secolo, Pag era una città completamente urbanizzata; con mura, torri, fortezze, piazze, chiese, monasteri, palazzi e case popolane. Il porto della città era Kosljun. Viene nominata per la prima volta nel X secolo – nel 976 re Stjepan Drzislav libera la città dal governo Bizantino, e nomina sindaco un conte croato. Nel 1192 viene costruita la chiesa di S. Maria che anche oggi domina la Città vecchia, mentre il 30 marzo 1244 con Bolla del re Bela IV la città ottiene lo status di città Reale libera cui farà seguito lo sviluppo economico. Il re Croato Ludovik I, nel 1376, conferma a Pag lo status città reale libera, ma nel 1403 re Ladislav, vende a Venezia la sua parte di Dalmazia, che includeva anche Pag facendo sì che Pag appartenesse per secoli alla Repubblica Veneziana. A metà del XV secolo con l’aumentare del pericolo dei Turchi si comincia la costruzione della città nuova a circa un km dall’abitato originario - il 18 maggio 1443, ricevuto il permesso dal Senato veneziano si inizia la costruzione della nuova città su progetto dell’architetto e scultore Juraj Dalmatinac - il progetto e la costruzione si protrassero dal 1443 al 1474.

Foto di Pag capoluogo

  • Prosika spiaggia cittadina di Pag

    spiaggia Prosika

  • lungomare della città di Pag

    lungomare

  • ponte Katina a Pag

    ponte Katina

  • Chiesa della Beata Vergine Maria di Pag

    chiesa della Beata Vergine

  • centro storico

    centro storico

Come arrivare a Pag

La città di Pag è molto facile da raggiungere dalla terraferma grazie al ponte che collega la punta meridionale dell'isola alla terraferma. Il ponte di Pag si trova a soli 50 km dalla città di Zara, 2,5 ore in auto da Zagabria. Chi provenga da Zagabria deve imboccare l'autostrada Zagreb - Split, uscire a Posedarje e proseguire lungo la strada che porta al ponte di Pag (Paski Most), mentre per chi provenga da Fiume (Rijeka) seguendo la Statale Adriatica (spettacolare e panoramica) è più semplice imbarcarsi sul traghetto Prizna - Zigljen che in 20 minuti raggiunge l'isola - il viaggio dura due ore e mezza circa.
E' anche possibile approfittare del traghetto Ancona - Zara e da Zara proseguire verso il ponte di Pag: la città dista infatti solo 70 km da Pag.
Una volta superato il ponte e le saline si raggiunge la bella città di Pag, capoluogo dell'isola.
In alta stagione il traghetto da Prizna a Zigljen sull'isola Pag parte sia di giorno che di notte, mentre in bassa stagione l'orario va dalle 5.30 alle 22.30: c'è anche un catamarano che collega la città di Novalja a Rijeka-Fiume e Lussino e durante il periodo estivo anche a Ilovik e Susak.
La terza opzione per chi voglia utilizzare il traghetto è data dal collegamento Rab - Lun/Jakisnica che viene effettuato durante tutto l'anno dalla compagnia Rapska plovidba: un'ottima soluzione per organizzare escursioni di un giorno!

Informazioni sulla città

Dalla pianta iniziale della cittadina con piazza centrale e 4 strade incrociate che dividono la città in altrettanti quartieri,la città si allarga al di fuori dei confini delle mura (XX secolo) mentre con lo sviluppo turistico degli anni 60 si formano i nuovi quartieri della città: Prosika, Vodice, Blato, Murvica, Basaca, Sv.Jelena e Bosana. Nella città vecchia i Francescani costruirono il loro monastero (1589), i residui del quale si possono ancora vedere – nella città vecchia gli abitanti di Pag vanno in processione solenne a pregare la statua miracolosa della Madonna della Città Vecchia. Per secoli l’ amministrazione di Pag viene capitanata dal principe, scelto tra gli ordini notabili e nominato dal governo centrale a Venezia. Ovunque percorrendo le strade cittadine si trovano stipiti scolpiti sulle porte delle case e dei cortili dei nobili, balconi in stile barocco, stemmi di pietra databili ai secoli XV - XVIII e il portale grandioso del palazzo ducale.
L' abbazia delle suore benedettine, oltre alle numerose reliquie e ai quadri ecclesiastici, custodisce la tradizione della preparazione dei "baskotini", pane biscottato aromatico che viene offerto all'ingresso nella chiesa, mentre la chiesa di S. Antonio Abate, successivamente rinominata chiesa di S. Croce, è divenuta proprietà privata ed è stata trasformata in abitazione civile. Vicino alla chiesa di Santa Croce si trovava il monastero dei Domenicani, che, custodivano la reliquia della Santa Croce ma, con l’abolizione dell’ordine domenicano a Pag, venne trasferita nella chiesa dell’Assunzione di Maria. Tra le attrazioni della città è ancora possibile osservare la produzione del sale secondo i metodi tradizionali, tramite prosciugamento in piccoli bacini di creta nei quali forza l’introduzione di acqua di mare (saline) e non può mancare una visita alle numerose testimonianze religiose tra cui la reliquia di S. Valentino, che si trova nell’altare destro della chiesa dell’Assunzione di Maria (alla sinistra dell’entrata).

Vacanze nella città di Pag

Vuoi ricevere delle offerte per questa destinazione? Da valutare senza impegno

RICHIEDI

Passeggiata nel centro storico

Il ponte Katina è stato costruito nel 2010 e ha sosttuito il ponte preesistente costruito nel XV secolo: è lungo 30 m e ricoperto di pietra bianca ed è un ponte esclusivamente pedonale che collega la cittavecchia con gli ex magazzini per lo stoccaggio del sale.
I magazzini del sale - si trovano proprio in centro città e testimoniano l'importanza del sale per la popolazione di Pag.
Superato il ponte Katina si accede alla strada principale della città, il decumano romano - oggi Vela Ulica o Strada Grande - lungo il quale si trovano gli edifici più interessanti come la Torre dell'Orologio con campanile a vela: la campana di questo campanile veniva usata per chiamare a raccolta il Consiglio cittadino. Di fianco alla torre si trova il Palazzo del Conte/Capitano dove ha sede il Comune, e di fronte al palazzo c'è la Cattedrale e di fronte alla Cattedrale ci sono i resti del Palazzo vescovile mai portato a termine...
Proseguendo verso la collina con la strada che passa a destra della Cattedrale (ulica Juraj Dalmarinac) si arriva fino alla piccola chiesa di San Giorgio di epoca Rinascimentale... Se invece si imbocca la strada che esce dalla piazza e si lascia alle spalle la Cattedrale si raggiunge la bella chiesa di San Francesco nella parte sudorientale della città: è una chiesa del XV secolo con un bell'occhio che si apre sulla facciata in pietra, mentre il Monastero delle Suore Benedettine custodi dei segreti dei pizzi di Pag si trova dalla parte opposta della città, a nord, vicino alle Mura Venete e al torrione di guardia...
Il centro storico di Pag ha una chiara impronta Veneziana con palazzi che portano stemmi e iscrizioni, finestre ad arco acuto, mascheroni sopra gli ingressi tutto rigorosamente in pietra bianca....

Da vedere nei dintorni di Pag

La baia di Pag La baia di Pag capoluogo è ottima per gli amanti degli sport, in particolare per il windsurf per via del vento che soffia con costanza durante la giornata, pur senza provocare grosse e indomabili onde.
I fondali marini della baia sono ricchi di tesori e nelle vicinanze ci sono relitti sommersi, scogliere marine ricche di flora e fauna e antiche città sommerse. Sentori per bicicletta e trekking rivelano i bellissimi panorami dell'isola, attraversando vigneti, oliveti ultracentenari e costeggiando muretti di pietra, piane rocciose, antichi cortili...
Gli amanti dell'arrampicata possono arrampicarsi fino alla cima di monte San Vito (Sveti Vid) e per chi voglia esplorare vengono organizzate diverse escursioni a partire dal porto di Pag. Si possono visitare la baia di Metajna, lo stretto di Pag, la famosa spiaggia festaiola di Zrce, la bella spiaggia di Rucica e la spiaggia Slana e la grotta nella quale si entra da una parte e si esce dall'altra....! Da vedere anche le scogliere di Beritnica alte fino a 260 m dove nidificano i grifoni, le caverne e i tunnel sommersi dal mare dello stretto di Pag e l'isoletta Maskalic dove si allevano conchiglie...
La cima del monte Sveti Vid o San Vito è il punto più alto dell'isola Pag ed è molto visitato: vi si gode una vista spettacolare sulle città di Pag, Kolan, Simuni, Mandre e Kosljun, ma anche sulle vicine isole di Rab, Lussino, Silba, Olib Maun e Lukar e nei giorni più limpidi di vedere anche il Parco Nazionale del Velebit! Da Pag la cima di Sveti Vid è raggiungibile con sentiero: ci vogliono circa 45 minuti a piedi, mentre da Kolan si impiegano fino a 80/90 minuti, ma la strada è più semplice da seguire anche per i meno allenati...
La chiesa di San Giorgio costruita nel XV secolo si trova nella parte nord della città e faceva parte delle mura difensive secondo il disegno originale di Juraj Dalmatinac: San Giorgio è il santo protettore della città anche se in questa chiesa vengono celebrate raramente messe e lo spazio viene utilizzato per mostre e concerti.
Nel cuore della città, nell'area chiamata Lokunja ci sono i famosi fanghi di Pag che curano reumatismi, malattie della pelle e ritenzione idrica e divertono grandi e piccini. L'accesso all'area del fanghi è gratuito e il metodo di cura molto semplice: si copre l'area da trattare di fango si lascia asciugare al sole e ci si tuffa in mare per lavare via il tutto...!
Le mura fortificate di Pag vennero completate verso la fine del XV secolo secondo una forma e con una struttura all'avanguardia per l'epoca. La costruzione cominciò il 18 maggio del 1443 e durante i lavori venne prestata particolare attenzione alle mura vere e proprie che secondo lo spirito Rinascimentale del tempo vennero dotate di torri circolari, ottagonali e pentagonali con bastioni arrotondati. La piazza principale di Pag si trova all'intersezione delle due principali vie di accesso alla città ed è circondata da importanti edifici civili e religiosi - la chiesa parrocchiale, il palazzo del Rettore, il palazzo del Vescovo, e la Loggia ormai demolita. Oggi delle nove torri costruite nelel mura rimane solo la torre Skrivanat che conserva la sua forma originale: si trova vicina alla passeggiata e al suo interno, nei mesi estivi, vengono organizzati concerti, opere teatrali, laboratori creativi e mostre.
Lun è la città più settentrionale dell'isola Pag ed è famosa per i suoi olivi ultracentenari: su un'estensione di oltre 23 acri si trovano circa 80 mila olivi di cui 1500 chiamati "Oblica" si alzano da letti di pietra disegnando forme complesse e affascinanti...
La vecchia città di Pag si trova a 1 km dal centro della Pag odierna: è un sito archeologico ricco di interesse e ospita la chiesa romanica di Santa Maria con statua della Madonna e il Monastero Francescano con il pozzo che, secondo la leggenda, salvò gli abitanti di Pag da una terribile siccità. Ogni anno viene organizzato un pellegrinaggio tradizionale dalla città "nuova" alla città "vecchia" durante il quale la Statua della Madonna viene portata in processione: rimarrà per tre settimane nella città "nuova" prima di essere riportata nella sua chiesa per il resto dell'anno...
Il Belvedere Gradac è uno dei punti panoramici più spettacolari dell'isola di Pag: si trova sulla strada che collega la città di Pag a Novalja e chi arrivi in città o la lasci può godere della vista panoramica sulla città, il Velebit e la baia di Pag.

Pag capoluogo - consigli e diari di vacanza di chi è già stato

  • A Pago (Pag) sono stato lo scorso week end (6-8 luglio). Più difficile da raggiungere, ma ne vale sicuramente la pena! Da Trieste 3-4 ore, a seconda del traffico... fino al traghetto. Poi i tragetti partono comunque ogni mezz'ora-ora...

    kyte surf in Croazia Nikola | diario vacanza Krk e Pag
  • Ora posso dirlo, questa settimana trascorsa all'isola di Pag è sicuramente tra le mie top vacanze di sempre. Dopo qualche giorno per decidere quale fosse il mezzo di trasposto più adatto per raggiungere l'isola, abbiamo optato per l'automobile...

    sabbia per bambini in Croazia Andrea 82 e Fede | Diario vacanza isola Pag
  • Che si arrivi a Pag dalla strada che la collega a Novalja o dal ponte poco importa: bisogna comunque andare al Belvedere Gradac e scattare una o dieci foto alla città, alla baia, allo stretto e al monte Velebit ...

    Sveti Duh isola Pag consiglio di Branko e Nicoletta

Da fare a Pag

Per gli amanti dell'arrampicata ci sono ben 4 mappe che non aspettano altro che di essere consultate e sono disponibili presso l'ufficio turistico della città di Pag, ci sono anche dei percorsi specifici per chi voglia arrampicarsi con corda, una moltitudine si pareti, scogli e rocce più o meno verticali adatte ai free-climbers. La parte settentrionale della baia di Pag (Slana) è "riservata" all'arrampicata con corda e tutti i punti di partenza sono facilmente accessibili, mentre i tracciati tecnici sono accessibili solo in barca.
Il fondale marino della baia di Pag è adatto a tutti i tipi di sub, dai più avventurosi ai più rlassati e ci sono siti archeologici, navi affondate e grotte e scogliere tutte da vedere!
le scuole sub della città organizzano corsi per principianti, ma anche per i più esperti, escursioni verso i siti più interessanti e le vicine isole e immersioni notturne...
Birdwatching a Velo Blato
I due laghi di Veliko e Malo Blato - due paludi - si trovano nella parte meridionale dell'isola Pag e, dal momento che le terre umide sono una rarità sull'isola, sono state trasformate in aree protette nel 1988. Veliko Blato è la fonte d'acqua dolce che sopperisce ai bisogni di più di metà dell'isola e tutte e due le aree di Veliko e Malo Blato sono rifugio e habit naturale di diversi tipi di uccelli sia indigeni che migratori (oltre 168 specie!).
Passeggiata fino al 15° meridiano
Il quindicesimo meridiano passa attraverso l'isola di Pag ed è segnato da un monumento di marmo posto lungo una strada sterrata che porta da Bosana a Sveti Duh, a 5 km dalla città di Pag.
Caska
Si tratta di una zona nella parte occidentale della baia di Pag che abbonda di belle spiagge e piccoli villaggi come Caska, Kustici, Zubovici e Metajna. Si arriva a Caska con barca o in auto e dista circa 9/15 km dalla città di Pag.
Fortica
Vicino al ponte di Pag (Ljubacka vrata), nella parte orientale dell'isola si possono vedere i resti di una fortezza che era un importante punto di guardia posto a protezione delle navi che si trovavano a passare vicino a Pag. Secondo la leggenda in questa fortezza trovò rifugio Re Bela IV sfuggendo ai suoi nemici...
la fortezza sorge in un ambiente particolarmente aspro e spoglio, su un promontorio roccioso con vista sul mare e sull'isola Vir... Baia Slana Questa baia può essere raggiunta in barca da Barbati e si trova nella parte nordoccidentale dell'isola di Pag, ai confini con la Porta di Pag o Paska Vrata, all'ingresso della baia di Pag dal lato del Velebit. Slana ha una bellissima spiaggia di sabbia, lunga e spaziosa con scogli piatti che si alzano verticalmente dal mare ed è ideale per la pesca oltre che per i giochi dei più piccoli...
Già stato qui? Ricordi di qualche posticino? Hai qualche dritta o consiglio da dare?

SEGNALA

Spiagge di Pag

Prosika - è la spiaggia municipale di Pag, è di ciottoli e ciottolini ed è lunga 800 m. Qui il mare è poco profondo e i fondali si abbassano gradatamente rendendola adatta anche ai più piccoli e ai nuotatori meno esperti. Sulla spiaggia ci sono docce, punto noleggio sdraio e lettini, campi sportivi per beach-volley, basket, tennis, punto noleggio pedalò e kayak, ma anche moto d'acqua e nelle vicinanze ci sono diversi ristoranti e bar.
Basaca - nell'area di Basaca che si trova a circa 15 minuti in auto da Pag si trovano una manciata di piccole spiagge accessibili grazie alla strada costiera. Si tratta di piccole spiagge con rocce, ciottoli misti a sabbia e sabbia e ci sono anche alcuni piccoli moli ideali per stendere gli asciugamani. Qui il mare è di qualche grado più freddo che nel resto dell'isola per via di alcune sorgenti di acqua dolce che rendono l'acqua meno salata e alimentano una serie di organismi e piante non visibili in altre parti dell'isola.
Plaza - qui ci sono diverse spiagge di ghiaia, ciottoli e roccia distribuite in varie baie. Le parti rocciose delle spiagge sono particolarmente adatte alla pesca e alle immersioni...
Sull'isola di Pag ci sono oltre 270 km di bellissime spiagge di ciottoli, ciottolini e ghiaia e ci son anche alcune bellissime spiagge di sabbia: in pratica ci sono spiagge per tutti i gusti, per famiglie, per amanti dello snorkeling per giovani in cerca di divertimento a tutte le ore del giorno e della notte... ci sono spiagge attrezzate con sdraio e ombrelloni, docce, bar e ristoranti o spiagge completamente naturali, spiagge accessibili in auto o solo a piedi o in barca...
(continua alla pagina Spiagge Pag)
  • Pag - spiaggia Sveti Duh

    Sveti Duh

  • terrazze e sabbia nella baia di Pag

    terrazze e sabbia vicino all'hotel Biser

  • lungomare di Pag

    spiagge lungomare a Pag

  • Pag spiaggia dell'hotel Pagus

    spiaggia dell'hotel Pagus a Pag

  • spiaggia verso l'hotel Tony a Pag

    verso l'hotel Tony

Eventi da non perdere

Carnevale - il carnevale invernale comincia il primo sabato dopo l'Epifania e finisce il Venerdì delle Ceneri e prevede balli in maschera, tre giorni di festeggiamenti in piazza, la cerimonia del passaggio delle chiavi della città, diverse rappresentazioni tradizionali a cui si uniscono le associazioni artistiche e culturali della città.
la città di Pag ha anche un Carnevale estivo che si celebra solitamente l'ultimo week-end di luglio dal 1959...
Durante il Carnevale vengono rappresentate alcune opere folkloristiche tradizionali - Paska Robinja e Tanac. Paska Robinja o la "la schiava di Pag" è legata alla battaglia di Krbava e narra il dramma della cattura della figlia del re Vlasko ad Opera degli ottomani. Il fidanzato, il figlio del Re Derencin, saputo della cattura della ragazza si reca sulla piazza della città dove sa che gli Ottomani vendono i loro schiavi e si finge un compratore per liberarla...
Tanac è un danza flkloristica quasi dimenticata che è stata riscoperta e rivitalizzata grazie ai ricordi degli anziani di Pag ad opera del circolo Druzina Culture and Arts. I membri dell'associazioni abbigliati secondo la tradizione portano Tanac in vari festival folkloristici, durante il Cranevale, ma anche altre celebrazioni. Questo ballo viene accompagnato da un ostrumento tradizionale chiamato misnice che ricorda molto una cornamusa ed è fatta di pelle di pecora o di capra...
I pizzi di Pag - vengono fatti a mano dalle donne più abili della città e tramandandati di madre in figlia da generazioni e incornicaiti e appesi alle mura di casa vengono mostrati agli ospiti e passati di generazione in generazione...
Le Nonne o Nane di Pag sono le custodi dei segreti del pizzo di Pag: le mani devono essere semprepulitissime quando maneggiano i fili da lavorare, la luce giusta, la compagnia piacevole e le geometrie che caratterizzano i pizzi ben presenti nelle menti delle lavoratrici!
Costumi tradizionali di Pag - il costume tradizionale degli abitanti di Pag non è cambiato nei secoli e, spesso, ogni famiglia di tramanda i propri abiti tradizionali di generazione in generazione.
La bora! - la bora a Pag raggiunge anche i 200 km/h ed è una vera sfida per la popolazione locale e una fonte di grande ricchezza perchè, quando scende dal Velebit e attraversa il mare, trasporta finissime particelle di acqua salatache deposita sulla superficie dell'isola. Dopo una giornata di forte bora tutto è coperto di sale e le pecore di Pag sono quelle che ne guadagnano maggiomermente perchè brucando l'erba salata danno al loro latte e alla loro carne quel sapore specifico caratteristico della regione. Il triangolo sacro di Pag - il triangolo sacro di Pag unisce tre chiese Cristiane costruite sui resti di antichi templi pagani: due di queste chiese si trovano in luoghi di difficile accesso, una vera sfida per gli amanti dell'arrampicata e della natura! I resti della chiesa di San Vito del XIV secolo si trovano sulla cima del monte Sveti Vid e fronteggiano i resti della chiesa di San Giorgio e una fortezza Bizantina, mentre la chiesa di Santa Maria si trova sulla collina vicino alle saline di Pag...
Skraping (un tipo di trekking) - tipico dell'isola Pasman, lo Skraping si può praticare anche sulle scogliere e le colline di Pag, seguendo i sentieri che collegano San Vito, San Giorgio e Santa Maria, oppure dirigendosi verso l'interno dell'isola, Kolan e poi Novalja...

Le gite da fare

Trovi interessanti queste informazioni? Condividile con i tuoi amici!

Dove andare? Come scegliere? Qui sappiamo darti le indicazioni giuste

CONTATTACI