Dugi Otok Novalja diario

In Croazia in moto - isole Dugi Otok e Pag

siamo stati in appartamento 192 a Brbinj per 5 giorni; la proprietaria è stata molto gentile e disponibile. L'isola, sopratutto in giugno, è la dimostrazione che esistono anche nella "civilizzata Europa" dei posti ancora intatti e tranquilli come non ci si potrebbe immaginare. Noi siamo andati con la moto da enduro ed è stato un vero spasso, km e km di strade bianche da percorrere in assoluta solitudine, l'unico problema era la benzina disponibile solo in una cittadina (Zaglav) vicino Sali (avendo il serbatoio piccolissimo!!!).
  • appartamento 192 A1 Brbinj

    Casa 192 a Brbinj - Dugi Otok

  • Telascica sculture

    Telascica

  • Pag costa

    Isola Pag

  • Novalja panorama

    Novalja

  • spiaggia Sakarun

    Sakarun

Da non pedrere è la camminata al parco Telascica con il lago salato e la strepitosa apertura verso sud sull'Adriatico con un fondale di 90mt, le Kornati, la costa vicino al faro di Veli Rat e la spiaggia di Sakarun. Insomma MARE, PINETE, ROCCIA e tanta TRANQUILLITA'.
Poi siamo andati a Novalja al camping Strasko. La caratteristica che abbiamo notato di isola Pag è la stranezza della vegetazione, presente nella parte ovest e non in quella est, che è una distesa di pietre (ottima per l'enduro). Ci hanno spiegato che il fenomeno è determinato dai venti che scendono dalla catena del Velebit e soffiano in continuazione impedendo lo sviluppo della vegetazione, creando un strano paseaggio "lunare". Il mare è stupendo anche qui, ideale per chi adora come noi fare snorkeling. Comunque a Pag si vede molta più gente, ma non troppo.
Consigli:
- avere con se sempre le Kune, non gli euro (soprattutto a Dugi Otok)
- portarsi pochi vestiti (per i centauri)
- si parla tranquillamente inglese e italiano
- mangiare pesce a volontà
- i ricci buoni sono quelli colorati, i neri sono maschi e quindi sono vuoti
- per i cambi usare le poste
- più il market è piccolo più alti sono i prezzi
- a Dugi Otok procurarsi tanica per benzina (per i centauri)
Andrea e Raffa di Falconara Marittima AN (giugno 2005)

Commenti

  • Andare a Dugi Otok a giugno è il massimo: tanto a Dugi Otok ci si va per godersi la tranquillità che c'è anche ad agosto, figurarsi a giugno, o settembre. A Novalja, però, si va di solito per trovare un po' di movimento e in questo caso bisogna verificare prima i programmi delle discoteche che aprono solitamente verso la fine del giugno... per non trovare tutto ancora "troppo tranquillo".
    di Branko e Nicoletta (2015)

Paesi visitati

Vedi altri : Vacanze e diari

Trovi interessanti queste informazioni? Condividile con i tuoi amici!

Dove andare? Come scegliere? Qui sappiamo darti le indicazioni giuste

CONTATTACI