Zagabria dintorni

I dintorni di Zagabria - dallo Zagorje alla Podravina

I dintorni di Zagabria sono ricchi sdi siti interessanti, castelli e splendidi Parchi dove trascorrere giornate rilassanti in esplorazione: gli amanti della fotografia avranno pane per il loro denti, e chi ami camminare nella natura non potrà non ritenersi soddisfatto, per non parlare di chi apprezzi la storia e i siti storici che abbondano. Ci sono numerosi agriturismi che ben si adattano all'atmosfera agricola che si respira sulle colline coltivate a vigna e nei campi lavorati, e ci sono incredibili terme dove rilassarsi e coccolarsi e poi ci sono le vinerie e le cantine che si aprono agli ospiti con degustazioni e la possibilità di assaggiare piatti tipici e dolci locali, di acquistare oggettistica di legno e artigianale, di fare compere tra le bancarelle colorate delle fiere di paese durante le festività.
Lo Zagorje è famoso per le sue chiese e i suoi santuari che custodiscono reliquie e statue miracolose e poi ci sono le splendide case in legno, antiche di secoli, restaurate con cura e preservate identiche nel tempo...
Da nord a sud, da est a ovest i dintorni di Zagabria sono pronti a sorprendere!
Lo Zagorje è ben collegato al resto della Croazia, ma anche all'Europa: è vicino ai principali aeroporti del'Europa (l'aeroporto di Zagabria dista solo 40 km, Maribor di trova a 27 km, Lubiana a 160 km...), ma a anche in auto, che è il modo più comodo per muoversi in libertà, o in treno facendo tappa a Zagabria che è collegata a tutte le principali stazioni ferroviarie della Croazia e d'Europa.
  • Trakoscan

    Trakoscan

  • passeggata a Trakoscan

    passeggiata nel parco

  • Castello di Karlovac

    castello di Karlovac

  • Varazdin

    Varazdin

  • Samobor

    Samobor

A Ovest di Zagabria

A ovest di Zagabria si trovano alcune località più o meno conosciute dove trascorrere ore piacevoli lontano dal tran tran della città: si tratta di borghi storici che ospitano palazzi e castelli, grandi parchi e boschi rigogliosi attraversati da sentieri dove passare il tempo scattando fotografie...
Samobor
Posizionato ai piedi di una collina verde vicino al ruscello Gradna, Samobor è una delle città più settentrionali della Croazia, ben conservata e molto visitata da chi soggiorni a Zagabria. I visitatori amano la piazza principale della città con le sue caffetterie dove assaggiare la famosa torta Kremšnita di Samobor. Gli amanti delle arti e dell'artigianato troveranno una quantità di cose da vedere, inclusa una Galleria d'Arte, una Foto Galleria e il Museo Civico con la sua esposizione di costumi paesani tradizionali. Ci sono poi diversi sentieri che portano nel cuore del bosco, sull collina e attraverso il Parco Anindol fino alle rovine del castello di Samobor, risalente al XIII secolo. Uno dei periodi migliori per visitare Samobor è durante il Carnevale, quando la città si anima con una grande parata di maschere e costumi tradizionali.
Samoborsko Gorje
Ad ovest di Samobor si trova il Samobosko Gorje o colline di Samobor, un gruppo di colline boscose e montagne dalle punte arrotondate ideali per gite giornaliere e camminate ricreative. Il punto più alto del Samobosko Gorje è Japetic che misura 879 m sul livello del mare e si raggiunge in due ore di cammino da Šoićeva Kuća, punto ricreativo e ottimo ristorante. Nella sua parte sudorientale si trova Okić con le rovine di una delle fortezze Medievali più irraggiungibili della Croazia e sul fianco di Okic si trova un museo privato Etno-kuća pod Okićem con una esposizione di costumi tradizionali e mobili.
Plešivica Il villaggio di Plesivica si trova ai piedi del versante meridionale del Samoborsko Gorje e occupa un paesaggio fiabesco fatto di colline ondulate e vigneti che producono ottimi vini, tra cui Pinot, Chardonnay, Reisling e un vino rosso fruttato il Portugirac da bere giovane. Ad ottobre quando si stappa il novello Portugirac è festa grande e molte della famiglie di Plesivica che producono vino offrono la possibilità di assaggiare i loro vini offrendo anche stuzzichini a base di carne e formaggio. Gli indirizzi della Plesivica Wine Road - strada dei vini di Plesivica - è disponibile presso l'Ufficio Turistico della Contea di Zagabria, a Zagabria.
Zaprešić
La città di Zapresic è collegata al Conte Josip Jelacic che si mise a capo del movimento che sosteneva l'auto-governo da parte della Croazia nel 1848 e che trascorse gli anni successivi nella sua proprietà vicino a Zapresic, a Novi Dvori. Il Palazzo è ancora in restauro, ma il Parco è molto interessante, c'è persino una Galleri dedicata a Matija Skurjeni, artista locale.
Il Mausoleo della famiglia Jelacic è opera dell'architetto della Cattedrale di Zagabria, Herman Bollè, ci sono sentieri nel bosco e persino un campo da golf, per trascorrere la giornata in modo diverso...
Dvorac Lužnica
Oltre i campi di grano a est di Zapresic si trova il Palazzo Lucnica uno splendido esempio di architettura del XVIII secolo con torrette decorate che la fanno assomigliare a un castello Francese. Il palazzo venne posseduto da diverse famiglie, fino ad essere donato nel 1925 alle Sorelle della Carità di San Vincenzo che lo utilizzarono come centro spirituale e di preghiera. Il Parco del palazzo, restaurato nel XIX secolo è aperto ai visitatori la domenica pomeriggio ed è famoso per i suoi leggi e le erbe aromatiche, che le Sorelle usano per produrre liquori aromatici.
Žumberak
Per una gita giornaliera Zumberak è forse una delle località più attraenti: è quasi un'estensione del Samoborsko Gorje, con le sue colline, le strette valli e i villaggi con campi coltivati e covoni che si asciugano al sole o i suoi mucchi di legna tagliata pronta per l'inverno. Buon aparte del territorio è protetto dal Parco Naturale Zumberak la cui direzione si trova nel paese di Salni Dol, a ovest di Samobor: qui sono disponibili informazioni sui sentieri e le strade adatte a passeggiate, arrampicate e mountain bike.

Consigli di chi ci è stato...

  • La regione dello Zagorje e i dintorni di Zagabria sono un'oasi di natura, campi coltivati e vigneti, aria pulita ed eredità culturali: ci sono castelli da visitare, Parchi da esplorare e splendidi fiumi dove pescare...

  • Le strade del vino dello Zagorje costituiscono un piacevole diversivo alla classica gita nella natura: si spingono sulle colline intorno a Zagabria, tra valli e vigne alla scoperta di cantine a gestione famigliare e sapori antichi e tipici...

  • Zagabria e i suoi dintorni hanno visto la nascita di molto grandi uomini, condottieri, artisti, poeti e scrittori e tutti questi uomini hanno lasciato la loro impronta nei paesi che si annidano nelle splendide colline dove ci sono musei, mausolei e santuari...

  • Varazdin

    castello di Varazdin

  • passeggata a Varazdin

    passeggiata a Varazdin

  • lavori di campagna

    lavori in campagna

  • fiume Sava

    pesca sul fiume Sava

  • Lonjsko Polje

    Lonjsko Polje

Nord e nordovest di Zagabria

Medvednica
Le pendici boscose del monte Medvenica e della sua cima Sljeme sono il rifugio preferito degli amanti della natura e di chi voglia allontanarsi dal ritmo frenetico della città. Ci sono moltissimi sentieri che portano a rifugi montani o "planinarski dom" dove si può anche avere un assaggio di cucina locale. Il Parco Naturale di Medvednica ospita piante rare, tantissimi animali e rarità geologiche e culturali: la grotta Veternica che occupa 10 kmq e ha una quantità di formazioni rocciose carsiche - la caverna principale è lunga più di 2 km, ma solo i primi 380 m sono aperti al pubblico. Qui si possono ammirare le ossa di un orso delle caverne e ammirare e persino adottare gli abitanti tipici della grotta, i pipistrelli. Da vedere anche la Miniera d'Argento Zrinski attiva nel XVI secolo: si dice che dopo due secoli di scavi, il sistema di caverne si estenda fino a Gornji Grad e al centro di Zagabria...
Gornja Stubica
Gornja Stubica è un paesino idilliaco con panorama collinoso e per molti Croati è sinonimo di Matija Gubec, capo della rivolta popolare del XVI secolo: Gubec venne catturato, portato a Zagabria e incoronato con una corona di ferro incandescente per poi essere squartato. Unico testimone vivente della storia di Gubec è un vecchio albero di tiglio che si trova vicino a una bella casa di legno. In paese c'è anche Palazo Oršić con una collezione di oggetti che raccontano al storia di Gubec e dello Zagorje.
Marija Bistrica
Marija Bistrica è uno dei santuari Mariani più amati della Croazia: ogni anno attrae migliaia di pellegrini. E' una graziosa cittadina con una campagna spettacolare e la basilica di Marija Bitrica si trova proprio sulla piazza principale. La città è dedicata alla Vergine Maria e alla statua miracolosa della Madonna e del Bambino scolpite in legno nero che risale al XV secolo. La storia della statua diche il parroco la nascose temendo l'invasione turca, ma morì prima di poter rivelare il nascondiglio. Un bel giorno la statua si fece trovare emettendo luce. Nuovamente nascosta, la statua si fece trovare emettendo di nuovo luce nel XVII secolo e da allora viene adorata anche per i suoi poteri curativi.
Belec
Il piccolo paese di Belec si trova ai piedi della montagna Ivanščica e ospita uno splendido esempio di architettura sacra, la chiesa di Santa Maria della neve. La chiesa è circondata da mura per difenderla dalle invasioni Ottomane e gli interni sono riccamente decorati con affreschi del XVII secolo del pittore Ivan Ranger e un altare lavorato opera dello scultore Josip Schokotnigg.
Lepoglava
Lepoglava è un sito religioso importante, edificato dai monaci Paolini nel XIV secolo: i Monaci costruirono una bella chiesa e il Monastero e si occuparono di supportare l'educazione, la medicina, l'arte e la cultura. Quando per ordine dell'imperatore Giuseppe II l'ordine Paolino venne abolito e i monaci lasciarono il paese (1786), il monastero divenne una prigione (1854). Nel 2001 gli edifici del monastero vennero restaurati e resi alla Chiesa, mentre le strutture più recenti rimasero adibite a penitenziario: la prigione è famosa per aver ospitato diversi prigionieri politici tra cui anche Josip Broz Tito e Franjo Tuđman.
Trakošćan
Trakoscan è uno deimotivi per cui si dice che lo Zagorje sia la terra dei castelli da fiaba. Avvolto da torri e meralture, appollaiato sopra un lago, circondato da colline e foreste, Trakoscan ha una bellezza particolare e fiabesca. Nato a scopo dfensivo nel XIII secolo divenne la residenza della famiglia Drašković che allargò la fortezza nel XIX secolo. Oggi il castello ospita un museo al quarto piano con stanze che sono un sempio dei vari stili di decrazione di interni utilizzati.
Krapina - nordovest
Krapina si trova a nordovest di Zagabria, ai piedi di una serie di dolci colline ed è famosa per essere il luogo di ritrovamento dell'Uomo di Krapina, un uomo di Neanderthal. Resti preistorici vennero scoperti prima a Hušnjakovo, appena fuori città da Dragutin Gorjanović Kramberger nel 1899. Presso il sito del ritrovamento è stata allesttita una mostra multimediale che spiega lo stile di vita dei Neanderthal.
Sulla collina di Trški vrh, dalla parte opposta rispetto alla città, la Chiesa di Santa Maria è un'altro importante meta di pellegrinaggio. Venen costruita nel 1850 per ospitare una statua miracolosa di Maria portata dalla Terrasanta da un pellegrino nel 1669, la chiesa è circondata da un anello di arcate, ha dei bellissimi soffitti dipinti da Anton Lerchinger e una serie di altari opera degli scultori Filip Jakob Straub e Anton Mersi.
Veliki Tabor
Con le sue grandi torri, il castello di Veliki Tabor è uno dei simboli dello Zagorje. Costruito nel XVI secolo per fronteggiare la minaccia Ottomana il castello venne adattato come residenza in tempo di pace, in stile Rinascimentale quando vennero aggiunte le arcate del cortile interno. Nell'edificio centrale è stato allestito un museo che espone una raccolta di artefatti recuperati durante il restauro del castello, insieme a pezzi di arredamento Rinascimentale. Veliki Tabor ospita da anni il Veliki Tabor Film Festival, in luglio, una celebrazione della filmografia indipendente.
Kumrovec
Kumrovec è una destinazioni preferite dalle famiglie per una gita giornaliera, è un villaggio agricolo con edifici restaurati dove si respira un area da antico villaggio da Museo: in pratica si tratta di una mosyta etnigrafica a cielo aperto con cottage risalenti al XIX secolo che ancora ospitano i mobili originali e gli strumenti tipici che i vecchi abitanti utilizavano nella loro vita quotidiana. Molte case mettono in mostra anche oggettistica artigianale che va da tessuti ricamati a cuori di pan di zenzero cucinati dalla local epasticceria, ci sono mostre di artigianato e artigiani che mostrano al pubblico la loro arte.
Klanjec
La piccola città di Klanjec si trova in una valle tra le colline ed è dominata dal campanile a scacchi bianco e nero della chiesa del Monastero Francescano risalente al XVII secolo. La chiesa serviva come mausoleo per la famiglia Erdödy e al suo interno sono conservato alcuni sarcofagi della famiglia recentemente restaurati e messi in mostra. Il sarcofago di Emerik Erdödy con le gambe formate da cervi inginocchiati è uno spettacolare esempio di Barocco funerario. Dalla parte opposta rispetto alla chiesa di trova una Galleria in onore dello scultore Antun Augustinčić (1900 -1979), nato a Klanjec che studiò a Zagabria e Parigi prima di diventare uno degli artisti pubblici più richiesti della sua epoca. Pezo forte della mostra è la riproduzione di statua equestre intitolata "Pace" il cui originale si trova fuori dall'edificio delle Nazioni Unite a New York. Lo stesso Augustinčić è seppellito nel giardino della galleria con la scultura di un soldato ferito a segnare il posto.
Pregrada
Pregrada si trova ai piedi delle colline a nord di Krapinske Toplice, incorniciata dalle torri gemelle della sua chiesa parrocchiale chiamata spesso la cattedrale dello Zagorje per via delle sue dimensioni. La chiesa di Pregrada ospita un organo che in orgigine avrebbe era stato costruito per la cattedrale di agabria, ma venne rifiutato perchè non abbastanza "sonoro" per la cattedrale di una grande città. I locali si ritrovano in città l'ultimo fine settimana di settembre per la raccolta dell'uva o Branje Grozdja, una fera rurale con canti e balli folkloristici.
Vinagora
A ovest di Pregrada, su una pittoresca collina, si trova il minuscolo paese di Vinagora con la chiesa di Santa Maria, meta di pellegrinaggi. Anticamente fortificata per difendersi dagli attacchi nemici, oggi la chiesa mostra un anello di arcate e gode di un panorama splendido sul paesaggio dello Zagorje.
Già stato qui? Ricordi di qualche posticino? Hai qualche dritta o consiglio da dare?

SEGNALA

Sud e sudest di Zagabria

Karlovac
Questa si città di trova alla confluenza di 3 fiumi e venne fondata nel XVI secolo dall'Arciduca Carlo di Stiria a difesa dell'Europa Centrale contro i Turchi Ottomani. Anche se le mura della città sono in gran parte state demolite, il Parco municipale segue ancora la forma a stella della fortificazione originale. Una passeggiata dal cntro fino alle sponde verdi del fiume Korana vi permetterà di dar da mangiare ai cigni...
Donja Kupčina
Molti dei paesi a ovest di Zagabria conservano le caratteristiche fattorie di legno, uno dei simboli della ona e Donja Kupčina è uno degli esempi meglio preservati di questo tipo di costruzione. Si trova a sudest di Karlovac e ha un piccolo museo con artefatti locali, e un gruppo di fattorie costruite nel XIX secolo amorevolmente restaurate dai suoi abitanti.
Ozalj
A nordovest di Karlovac si trova il villaggio contadino di Ozalj, dominato dal suo castello che si erge a sentinella del fiume Kupa. Da sempre associato a due delle più importanti famiglie nobiliari della Croazia - gli Zrinski e i Frankopan - il museo del castello mette in mostra oggetti della cultura cavalleresca del XVII secolo.
Sulle rive del fiume Kupa si trova anche l'impianto idroelettrico Munjara: assomiglia molto ad un castello gotico, e le sue turbine lavorano ancora.
Slunj
Viaggiando da Zagabria a Plitvice si incontra questo paesino collinare che si affaccia sul fiume Korana. Vicino al fiume di trova Rastoke dove le acque del ruscello Slunjčica alimentano dalla notte dei tempi una serie di mulin. Ci sono una serie di canali costruiti dall'uomo e ponticelli da esplorare, oltre che alcuni ottimi ristoranti vicino all'acqua...
Parco Nazionale dei laghi Plitvice
Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è una delle maggiori attrazioni della Croazia e una delle aree protette più grandi: formato da laghi dalle acque cristalline collegati da cascate terrazzate scolpite nei secoli visitabili con una serie di sentieri e camminamenti di legno a pelo d'acqua. Sopra i laghi si trova una splendida foresta di abeti e faggi ed è habitat naturale di daini, lupi, orsi bruni e persino linci. Il Parco è organizzato per ricevere visitatori con una serie di percorsi disponibili, navi elettriche per attraversare i laghi e un trenino che percore la parte orientale del Parco, collegando le due entrate principali.
Barać Caves
A est del laghi di Plitvice si trova un'area calcarea ricca di grotte: le più accessibili sono le grotte Barać o Baraćeve špilje, dove i visitatori possono partecipare a una visita guidata di 40 minuti attraverso paesaggi sotterranei di stalattiti e stalagmiti. Le grotte sono habitat naturale dei pipistrelli.
Andautonia - sudest
Il pacifico paesino di Ščitarjevo sorge sui resti della città Romana di Andautonia, un insediamento del I secolo che proseprò grazie alal sua posizione al centro delle rotte commerciali nella valle della Sava. Il sito con i suoi scavi archeologici è Parco aperto al pubblico: i visitatori possono percorrere le strade Romane pavimentate o ammirare il sistema di riscaldamento a pavimento della sala termale municipale. Ogni anno a fine aprile vengono celebrate le Giornate di Andautonia con laboratori di archeologia sperimentale e bancarelle che vendono cibi e bevande di epoca Romana oltre a giochia tema Romano per bambini.
Vukomeričke Gorice
Sulle colline di Vukomeričke Gorice, a sudovest di Velika Gorica, si trovano una serie di edifici dall'architettura lignea di stile tradizionale. Le colline sono caratterizzate da boschi di faggio e vigneti e sono il posto ideale per lasciarsi alle spalle la frenesia cittadina. A 25 km da Velika Gorica si trova il paesino di Lučelnica con la Cappella della Santa Trinità costruita nel 1935, proseguendo verso ovest si incontra Gustelnica e la Cappella di Sant'Antonio con il suo portico sostenuto da colonne lignee. A Sud di Gustelnica c'è Lukinić Brdo con la sua chiesa di San Giovanni Battista che è un tributo all'abilità dei falegnami locali, mentre la chiesa più rustica della regione si trova in cima alla collina ed è la Cappella di San Giorgio nel villaggio di Lijevi Štefanki col suo tetto coperto da tegole e decorato da un galletto in ghisa costruito nel 1677: la cappella è così piccola che la sua parte terminale è stata dotata di mura semovibili che vengono aperte durante i servizi della domenica...
Velika Mlaka
Uno degli esempi più conosciuti di architettura tradizionale lignea è la Chiesa di Santa Barbara nel villaggio di Velika Mlaka, a pochi chilometri da Zagabria, direzione sud. Costruita a partire da grandi assi di legno di quesrcia nel XVII secolo, gli interni della chiesa sono decorati con dipinti di pittori locali del XIX secolo: ogni centimetro quadrato della superficie interna è coperta da pannelli che illustrano scene della vita di Santa Barbata, ritratti dei santi e motivi floreali.
Lonjsko polje
Costituita da radure e stagni e rami secondari sulle sponde orientali del fiume Sava, Lonjsko Polje è la più ampia area paludosa della Croazia, un vero tesoro di architettura tradizionale lignea con villaggi interamente costruiti in legno, molte delle quali coperte da edera o decorate da cestini sospesi. I paesi sulle due rive della Sava sono collegate da un antico sistema di canali e chiatte conosciute come "skele" che fanno la spola da una sponda all'altra. Il Lonjsko Polje è soggetto a inondazioni periodiche quando la Sava rompe gli argini e i pascoli si trasformano in paludi: come risultano la regione è abitata da moltissime specie animali, tra cui oltre 250 specie di uccelli. Il Lonjsko Polje è perfetto per gli amanti della bicicletta, ha una quantità di bed & breakfast (molti dei quali in caratteristiche case di legno) e il Parco Naturale del Lonjsko Polje ha la sua sede operativa a Čigoč, paese famoso per la sua popolazione di cicogne migranti che, anno dopo anno, fanno ritorno ai loro nidi storici, ma anche Krapje che vanta il maggior numero di case di legno in ottimo stato di conservazione. Entrambi questi paesi servono come basi per camminate nella natura lungo dighe e foreste: da non perdere una visita alla riserva ornitologica di Krapje Đol, una delle maggiori aree di nidificazione Europea della spatola.
Jasenovac
A sud del Lonjsko Polje si trova un dei più importanti memoriali della Seconda Guerra Mondiale, vicino alla tranquilla cittadina sul fiume di Jasenovac: è qui che si stima che oltre 70 mila persone tra Serbi, Zingari, Ebrei e antifascisti vennero assassinati dal regime pro-nazista tra 1941 e 1945. Un'esibizione multimediale racconta la storia del campo attraverso una mescolanza di fotografie, vecchi cinegiornali e interviste firmate con i sopravvissuti. Al di sopra della radura dove un tempo si trovava il campo di concentramento si trova un moderno memoriale conosciuto come Fiore di Pietra.

A est di Zagabria

Strada del vino intorno a Sveti Ivan Zelina
Le famiglie delle colline intorno a Sveti Ivan Zelina si prendono cura delle vigne da generazioni: i vini di questa regione (inclusa una varietà locale chiamata Kraljevina Zelina) sono sempre più apprezzati e molte vinerie locali aprono le loro cantine offrendo degustazione di vini ai turistic. Una mappa delle cantine e delle strade dei vini è disponibil epresso il Museo Civico della città di Zelina.
Varaždin
E' una delle meglio conservate città Barocche dell'Europa Centrale, con un centro pedonale le cui strade sono delimitate da palazzi dalle facciate color pastello e chiese. La città ha servito come capitale della Croazia per un breve periodo nel XVII secolo: ecco perché molte famiglie aristocratiche vi costruirono le loro case cittadine. In un parco verdeggiante vicino alla città si trova il castello, un ricordo di quando Varazdin era città di frontiera a difesa del confine settentrionale contro i Turchi. Il castello ha torri Medievali, un cortile Rinascimentale a gallerie e ospita una sezione della collezione di oggetti storici del Museo Municipale. Dall'altra parte del ponte levatoio, il palazzo Brocco Sermage ospita la Galleria dei Maestri Antichi e Contemporanei. Altro importante museo di Varazdin - il Museo Entomologico o Mondo degli Insetti, con una collezione di farfalle e modelli che mostrano la vita segreta degli insetti. Il cimitero cittadino è un altro sito da visitare: trasformato in parco ornamentale dal suo guardiano Herman Haller nel 1906 ha siepidi bosso e di cedro scolpite in forme spettacolari ed è uno dei rari esempi di come il design paesaggistico e la santità cimiteriale possano combinarsi con successo.
Ludbreg
Ludbreg divenne luogo di pellegrinaggio con decreto papale del 1513: un prete durante la messa ebbe un momento di dubbio sul fatto che pane e vino rappresentassero veramente il corpo e il sangue di Cristo e miracolosamente il vino si tramutò in sangue. Da quel momento il vino utilizzato durante quella messa trasformatosi in sangue viene conservato nella chiesa della Santa Trinità in un reliquiario d'oro lasciato in eredità dalla Contessa Batthany, il cui palazzo famigliare è tra gli esempi di architettura più affascinanti della città. Masse di pellegrini visitano Ludbreg la domenica alla fine di agosto e all'inizio di settembre quando viene organizzata una coloratissima fiera.
Opeka
Annidato sulle colline a nord di Varazdin, l'arboretum di Opeka è uno dei pià importanti orti botanici del paese. Creato dalla famiglia Bombelles in stile inglese, è sopravvissuto al palazzo barocco di cui si possono ammirare le rovine: il parco ospita centinaia di specie provenienti da tutto il monto, incluse verità di piante rare ed esotiche. la vicina città di Vinica è famosa per le sue sorgenti d'acqua dolce e i suoi vini.

Per sapere di più

Trovi interessanti queste informazioni? Condividile con i tuoi amici!

Dove andare? Come scegliere? Qui sappiamo darti le indicazioni giuste

CONTATTACI