Croazia Info di Branko e Nicoletta
Rijeka - Kraljevica - isola Krk - Cres - Losinj
Cres isola Krk

Mai vacanza fu più voluta e desiderata. Rimandata prima per motivi familiari e poi per problemi meccanici, ma finalmente raggiunta... Partiamo dalla provincia di Mantova, in due su una virago 535 carichi come degli sherpa. Siamo nella prima settimana di Agosto e la vacanza durerà 7 gg ....

Fiume Rijeka Rijeka - Fiume

Usciamo alla frontiera di Trieste per errore (il programma prevedeva Gorizia) e ne approfittiamo per un giro turistico attraverso la Slovenia. Bellissimi posti. Boschi immensi, una tranquillità lunare e strade molto ben tenute. Arriviamo quindi a Rijeka passando per Postojna attraverso le montagne.
A Kraljevica sulla costa prendiamo il ponte per l'isola di Krk e che dire - paesaggio stupendo. Si percorre il ponte in un paio di minuti e vi assicuro che li farete in apnea perché sarete troppo intenti a guardare il paesaggio di sotto, sopratutto se come noi transiterete di lì al tramonto. Molto romantico. Peccato che dietro avevo il mio amico e non mia moglie!

Osor Osor Cres Cherso Cherso - Cres

Il primo campeggio in cui incappiamo si trova a Njivice e dato che la notte incombe decidiamo di fermarci li. Sottolineo il fatto che siamo partiti alla cieca con la nostra tendina e non abbiamo avuto problemi di sorta. Il campeggio, anche se non mi ricordo come si chiama, ve lo consiglio, servizi puliti, ombreggiato ed economico.
All'isola di Krk abbiamo dedicato due gg. Ci ha colpito Vrbnik, paese caratteristico e baie stupende. A Krk invece sembrava di essere a Milano Marittima e quindi abbiamo proseguito oltre per l'isola di Cres. Scesi a Merag con il traghetto abbiamo proseguito verso sud ammirando il paesaggio stupendo. La strada infatti scorre a una discreta altitudine e si possono ammirare le coste e le isolette vicine.
Abbiamo visitato prima Cres (bellissima cittadina, piccole vie caratteristiche, centro storico strutturalmente simile a Venezia) e poi Valun dove ci sarebbe piaciuto fermarci senonché il campeggio era inaccessibile alle auto/moto. Avremmo dovuto lasciare la moto a un mezzo km e proseguire a piedi. E la cosa mi lasciava perplesso anche se il campeggio arroccato su un argine della collina dentro un bosco mi ispira tantissimo. C'era poi un viavai di Hippy e personaggi curiosi che ricordo mi aveva incuriosito :)
Proseguiamo quindi verso sud divorando tutta l'isola e fermandoci di tanto in tanto per ammirare il paesaggio che ripeto, merita moltissimo. Sorpassiamo il ponte di Osor e ci "accampiamo" in un campeggio a Nerezine. Devo dire che l'esperienza "campeggistica" croata mi ha lasciato molto soddisfatto. Anche qui infatti i servizi erano molto puliti ed inoltre il campeggio era servito da un ristorantino e da un piccolo market che per un biker é oro colato. Questa zona fa parte del parco naturale, il mare era pulitissimo. Leggevo sui depliant che al largo ci sono gruppi di delfini.

Lussino Losinj Losinj - Lussino Lovran Lovran

La vita notturna qui non esiste. Per fortuna direi dato che cercavamo una vacanza il più possibile "naturale". Nel campeggio alle 11 c'era il silenzio assoluto. Alla nostra tenda giungeva solo il rumore smorzato delle onde, unito al suono delle cicale e le risate di qualche scoppiato in spiaggia a cui puntualmente ci univamo.
Tenendo il campeggio come campo base abbiamo gironzolato visitando Osor (caratterstico il paese dentro una specie di cinta muraria, se potete assistite ad una delle serate musicali in stile Kusturica) e Punta Kriza (ci si arriva tramite una strada che é poco pià di una mulattiera, attenti a capre e asini! ) dove abbiamo gustato un agnello memorabile. Se vi capita fermatevi, é un piccolo ristorantino che trovate sulla dx pochi km prima di arrivare a Punta Kriza, non potete sbagliare cé solo quello! Tornare al campeggio molto allegrotti con il buio e il fanale che illuminava la cima delle piante é stata un'impresa! Lasciamo il campeggio di Nerezine per visitare il resto dell'isola. Risaliamo velocemente sia l'isola di Losinj che Cres arrivando a Beli per visitare il centro di recupero dei grifoni e i famosi labirinti. Visita davvero itinerante.
L'ultima tappa l'abbiamo fatta ad un campeggio di Medveja (vicino Lovran che non reggeva decisamente il confronto con i precedenti anche perché era a una stella. Ritorno senza problemi a cuor felice, contenti di aver visitato dei posti meravigliosi e di aver vissuto esperienze che ci hanno fatto crescere.
Molto probabilemte quest'anno ci tornerò, magari nelle isole più a sud saltando pag dove sono già stato anni fa. Buona Croazia a tutti.