Isola Molat nell'Arcipelago Zaratino


Croazia Info


Molat paese | Brgulje | Zapuntel | Spiaggia | FAQ Molat | Appartamenti | Indietro | Croazia info


il porto di Molat
il porto per le barche locali di Molat


L’isola di Molat è la quinta isola abitata dell’arcipelago Zaratino per grandezza, ha una superficie di 22,8 kmq, una lunghezza massima di 11km e larghezza media di 4 km, con 48 km di coste articolate con baie e insenature e 197 abitanti suddivisi nei tre paesi dell’isola.
Il suo punto più settentrionale è Punta Gomilica, il suo punto più meridionale Punta Zaplo, mentre la punta più occidentale è rappresentata da Capo Šibinjski e quella più orientale da Punta Stopanji.
Molat si estende con direzione nordovest-sudest sulla piega Dinarica, allineandosi con una serie di isole che sono Ist e Skarda a nordovest, Sestrunj, Tun e Dugi Otok a sud. L'isola Molat è separata da Ist dallo stretto di Zapuntel largo 155 m e profondo 6 m e da Dugi Otok (il Passo di Settebocche) da uno stretto dove il mare è profondo fino a 44m, e da Sestrunj dal canale di Sestrunj.
L'isola di Molat si trova nella parte nord dell' arcipelago Zaratino, e ha tre piccoli centri abitati - Molat, Brgulje e Zapuntel. L’isola ha la forma di una Y, la baia di Molat si trova rivolta verso la terraferma, la baia di Brgulje è all’interno di una profonda baia a forma di V e la baia di Zapuntel si trova in direzione opposta rispetto a Brgulje e Molat, a nordest, di fronte all’isola Ist dalla quale è separata dallo stretto di Zapuntel.
A sud Molat è separata dall’isola Veli Tun o Tun Grande dal Canale di Tun o Tunska Vrata .
L’isola ha due dorsali montuose e il rilievo maggiore è il monte Knezak che misura 142 m sopra il livello del mare, la cima più alta Lokardenik (148 m): in mezzo alle due dorsali si trova la valle di Zapuntel che arriva fino a Brgulje . Nella parte sudorientale dell’isola si trova Porto Lucina, mentre la costa orientale bassa e ricca di insenature è coperta di boschetti ed è lunga 21 km. Qui si trova la baia Jazi riparata dalla bora da Punta Glavica e dall’isolotto Tovarnjak. La parte occidentale dell’isola presenta una penisola priva di insenature con costa che scende ripidamente al mare e termina con Punta Bonaster. L’isola Molat è circondata da alcune piccole isole satelliti, scogli e secche e il mare intorno è profondo dai 60 ai 70 m – sul lato ovest si vedono gli isolotti di Knezacic, Obliak, Tramerka e Tramercica, sul lato orientale si veder Tovarnjak. Tra Molat e le altre isole si trova il passo di Sedmovrace con tre aperture: tra Punta Bonaster e lo scoglio Golac, (prima di Dugi Otok), quello tra le due isole Tun (Tun Mali e Tun Veli) con faro, e quello tra Molat e Sestrunj con passaggio dello scoglio di Vrtlac. Molat, Ist, Skarda, Tun Veli e le isolette minori insieme a Molat fanno parte del gruppo di isole davanti a Zara che continuano a Ovest con l’isola Ugljan e un secondo gruppo di piccole isole. A Molat appartengono catastalmente un totale di 15 isole minori: Bivošcak, Kamenjak Tovarjak, Trata, Vrtlac, Little Tun, Tun Veli, Brgulje Skolj, Mladin, Knižacic, Krivnjak, Lušnjak, Mala Tramerka, Rižnjak e Sicic.
Chi si avvicini a Molat in barca deve prestare particolare attenzione agli scogli nascosti come quelli presenti nel tratto di mare tra Molat e Ist.
L’antico nome di Molat o Melata significa isola del miele in riferimento al miele prodotto dalle api che si nutrono dei fiori dei cespugli di rosmarino che qui crescono abbondanti, e che era una delle produzioni principali dell’isola . Oltre che da rosmarino, l'isola è coperta da una folta macchia con cespugli e lungo le coste da pini. Le coste nel lato nordorientale dell’isola sono basse e ricche di baie e insenature, mentre quelle nella parte sudoccidentale sono più ripide.
L'isola Molat è un paradiso d'altri tempi. Arrivati dopo due ore e mezzo trascorse sul traghettino che vi ci porta da Zara, non saprete se sentirvi entusiasti della lontananza del posto nello spazio e nel tempo, o angosciati dalla consapevolezza che fino al traghetto del giorno dopo non potrete andarvene neanche volendo. Basta fare una camminata sulla collina sopra il paese fino alla vecchia postazione dei cannoni, godersi per un attimo una veduta unica di tutto arcipelago, per non volersene più andare.
Gli abitanti di Molat si dedicano da sempre alla pesca e marginalmente di coltivazione e allevamento.



vista dalla collina sopra Molat
Baia di Brgulje sull'isola Molat


     Storia e curiosità delll'isola Molat:

L'isola Molat fu abitata fin dalla preistoria, infatti tracce di vita primitiva sono state scoperte durante alcuni scavi e i reperti sono custoditi presso il museo archeologico di Zara.
Fu porto di riferimento per le navi romane che viaggiavano tra Aquileia e Pola e alla fine dell'Impero Romano divenne rifugio di popolazioni latine in fuga dagli invasori avaro-slavi che imperversavano sulla terraferma (settimo secolo). Nell'827 Zara occupò l'isola sostituendo l'Impero Bizantino e cedette il diritto di pesca fino ad allora appartenuto alle popolazione dell'isola ad alcuni nobili di Zara.
Nel 1060 Molat diviene parte del patrimonio dell'Abbazia Benedettina di San Grisogono di Zara fino al 1409 quando divenne possedimento di Venezia: rimarrà tale fino al 1797, affidata come feudo a famiglie nobiliari di Zara. Nemmeno Molat sfuggì agli atti di pirateria degli alleati dei turchi, pur superando senza danni all'occupazione austriaca, napoleonica e al Regno di Yugoslavia.
Durante la Prima Guerra Mondiale a Molat venne costruito un campo di concentramento in funzione dal 1942 al 1943 e la penisola di Bonaster fino al 1990 fu una base militare e il mare nei suoi dintorni era interdetto alla navigazione.

vista dalla collina sopra Molat
Baia di Brgulje sull'isola Molat


     Da fare e da vedere a Molat e dintorni:

Per chi arrivi a Molat in auto e non in barca l'isola offre diversi sentieri che salgono dal mare all'entroterra e sono percorribili sia a piedi che in bicicletta; conducono a punti panoramici dell'isola, a baie nascoste, attraverso la natura splendida e selvaggia e offrono l'occasione di passeggiare con un occhio sempre rivolto al mare. Molat ha una quantità di fiori e arbusti fioriti incredibile che attirano insetti di ogni tipo, ma soprattutto meravigliose farfalle: il numero di farfalle dell'isola è sorprendete, come sorprendente è la varietà. Per chi sia più abituato all'osservazione della natura non sarà difficile avvistare qualche insetto stecco, ci sono poi piccoli e timidi gechi (un aiuto naturale contro le zanzare, che comunque non ci sono o sono rarissime e del tipo notturno), e alzando gli occhi potrà capitare di cogliere il volo maestoso di una coppia di grifoni.
Per chi abbia la barca o approfitti di uno dei barcaioli dell'isola è possibile programmare una visita al Parco delle isole Kornati, o una delle isole vicine (magari scegliendone una diversa ogni giorno...!).
- Il Parco delle isole Kornati: istituito nel 1980 è composto da 147 isole e isolette che occupano 320kmq, si trova localizzato nel tratto di mare tra Sibenik e Zara. Le isole sembrano per lo più spoglie, un paesaggio che ricorda la Luna, ma ospitano ben 650 specie diverse di piante, e benché siano per lo più disabitate brulicano di vita, ospitando numerosi piccoli animali, uccelli (che qui si riposano durante le migrazioni), pipistrelli, gabbiani dalle gambe gialle, per non parlare del ricco mondo sottomarino! I biglietti di ingresso al Parco sono in vendita presso la reception del Parco a Murter, oppure, durante l'alta stagione direttamente nell'area del Parco... (Parco Nazionale delle isole Kornati)
- Dugi Otok, o isola Lunga, vicinissima a Molat: le due isole sono infatti separate solo dallo scoglio Golac. Si può raggiungere in barca, ma anche da Zara con traghetto e catamarano. Da vedere il bellissimo Lago Salato Telascica, le spiagge nella parte settentrionale dell'isola (Mezanj, Saharun o Sakarun), la chiesetta di Savar (uno dei motivi maggiormente fotografati di Dugi Otok), ma anche il faro di Veli Rat con la sua bellissima scogliera e la lunga passeggiata in riva al mare...(Dugi Otok)
- l'isola Ugljan, fa anch'essa parte dell'arcipelago di Zara o arcipelago Zaratino, dista solo 13km da Molat, si può raggiungere direttamente da Molat con barca propria, oppure facendo scalo a Zara e prendendo il traghetto per auto e persone. E' consigliabile il traghetto perché a parte la zona di Preko che ha una lunga passeggiata che collega Preko, Poljana, Sutomiscica e consente di arrivare fino a Lukoran (8/10km), gli altri paesi dell'isola sono distanti l'uno dall'altro. In alternativa alla macchina, la bicicletta è sempre un ottimo mezzo di trasporto per esplorare... (isola Ugljan) - l'isola Pasman, collegata a Ugljan da un ponte, ha belle spiagge di sabbia e ottimi ristoranti di pesce. Non è un'isola molto animata dal punto di vista turistico, ma ha ottimi campeggi di piccole dimensioni, una fortezza medievale in cima a una montagna e uno dei pochi monasteri benedettini ancora attivi in Croazia... (Isola Pasman)

Isole Kornati da vedere
Pasman e le sue spiagge di sabbia


Molat paese | Brgulje | Zapuntel